12/03/2017

 

L'importanza di un' alimentazione ricca di acidi grassi polinsaturi nella prevenzione delle malattie oculari degenerative

 

E' da tempo nota la relazione tra invecchiamento e stress ossidativo : i radicali liberi prodotti dalla respirazione cellulare causano danni cumulativi nel tempo , conducendo all'invecchiamento.

Quindi è molto importante che ci sia un equilibrio tra danno ossidativo e difese antiossidanti. Ma col passare degli anni si verifica un declino di questi meccanismi di difesa , a vantaggio del danno ossidativo.

L'occhio è costantemente esposto alla luce solare ed artificiale. La luce,soprattutto la sua componente ultravioletta, è una sorgente di radicali liberi , quindi contribuisce al danno ossidativo nei tessuti oculari.

12/02/2017

Glaucoma : un pericolo per la vista da non sottovalutare 

Negli ultimi anni è aumentato notevolmente il livello di informazione e consapevolezza del paziente oculistico , che si presenta allo specialista non solo per un problema specifico , ma con la richiesta di un check-up che comprenda "pressione dell'occhio ed esame del fondo" . Questa giusta attenzione alla pressione dell'occhio rientra nella prevenzione del Glaucoma, una malattia degenerativa (non un tumore , come farebbe temere il suffisso"oma" ) del nervo ottico che , se non curata, porta a un progressivo deterioramento della visione , attraverso una riduzione del campo visivo , fino alla cecità. Il Glaucoma è insidioso perchè non provoca sintomi per lunga parte del suo decorso . Quando iniziano i disturbi è quasi sempre troppo tardi , perché la malattia si presenta già ad uno stadio avanzato. La diagnosi è spesso occasionale : durante una visita, fatta magari per cambiare gli occhiali, l'oculista rileva una pressione oculare superiore ai limiti della norma , oppure ,osservando il fondo oculare, la testa del nervo ottico mostra i primi segni di sofferenza.

15/01/2017

Come fermare la miopia ?

 

La percentuale di pazienti miopi nella popolazione mondiale è notevolmente aumentata negli ultimi 30 anni , sia in Europa che negli USA , ma soprattutto nei paesi asiatici (tra tutti il Giappone , la Corea e la Cina ) dove già i miopi erano più numerosi .

 

Quindi chi studia questo fenomeno parla addirittura di Miopia Epidemica con il rischio di un ulteriore aumento nei prossimi 30 anni.

Da anni si studiano i possibili fattori alla base dell'insorgenza e della progressione della miopia , per poter sviluppare delle strategie mirate a frenare il peggioramento del difetto , soprattutto nei bambini e negli adolescenti.